numero 26

Libro dei morti, istruzioni per l'anima       
Per gli Egizi la fine della vita era solo un passaggio nel ciclo naturale di rinascita. Ma il cammino non era esente da pericoli: bisognava superare una serie di prove e il giudizio di Osiride. Per questo fu compilato il Libro dei morti: una guida pratica per affrontare l’aldilà

Vedi dettagli »

numero 25

La biblioteca di Alessandria       
Fondata dai primi sovrani della dinastia dei Tolomei intorno al 300 a.C., raccolse tutto lo scibile dell’epoca: oltre 700.000 opere. La sua fine segnò la distruzione della maggior parte del patrimonio culturale antico

Vedi dettagli »

numero 24

L'harem politico di Ramses II         
Gli harem egizi erano le residenze delle “famiglie allargate” dei re, con i figli e le numerose mogli, che assicuravano continuità alla linea dinastica e consolidavano i rapporti con gli alleati. Quello di Ramses fu tra i più folti


Vedi dettagli »

numero 23

Saladino, sultano feroce e clemente       
Crudele. Spietato. Ma anche tollerante e generoso. Il sultano che riconquistò Gerusalemme nel 1187 dovette la sua pessima fama soprattutto ai racconti dei crociati che giustificavano così il loro fallimento

Vedi dettagli »

numero 22

Il palazzo di Cnosso       
Costruito, secondo il mito, per nascondere il Minotauro, fu in realtà il principale centro di potere della civiltà cretese-minoica, una società pacifica dedita al commercio, e di cui fino a un secolo fa si ignorava l’esistenza

Vedi dettagli »
Vuoi essere sempre informato sulle iniziative di Storica? iscriviti subito